Aumento di capitale UBI Banca

a cura di G.Borsi, giugno 2011

L'offerta è di n. 262.580.944 azioni ordinarie di nuova emissione, del valore nominale di Euro 2,50 ciascuna, aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione e godimento regolare, da offrire in opzione agli azionisti e ai portatori delle obbligazioni convertibili "UBI 2009/2013 convertibile con facoltà di rimborso in azioni" al prezzo di Euro 3,808 per azione, di cui Euro 1,308 a titolo di sovrapprezzo, per un controvalore massimo nominale pari a Euro 656.452.360 e un controvalore massimo complessivo (inclusivo del sovrapprezzo) pari a Euro 999.908.234,75.

Le azioni di nuova emissione saranno offerte nel rapporto di n. 8 per ogni n. 21 azioni e/o ogni n. 21 obbligazioni convertibili "UBI 2009/2013 convertibile con facoltà di rimborso in azioni" possedute. Il prezzo di sottoscrizione è stato determinato applicando uno sconto del 22,43% rispetto al prezzo teorico ex diritto (c.d. Theoretical Ex Right Price - TERP) delle azioni UBI Banca, calcolato sulla base del prezzo del 1°giugno.

Il calendario dell'offerta prevede i periodi dal 6 al 24 giugno 2011 per l'esercizio dei diritti di opzione e dal 6 al 17 giugno 2011 per la negoziazione in Borsa dei diritti di opzione relativi alle azioni. Entro il mese successivo alla scadenza del periodo di offerta, UBI Banca offrirà in Borsa gli eventuali diritti di opzione non esercitati, nel rispetto della normativa vigente.

L'aumento di capitale è garantito da un consorzio coordinato e diretto da Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. e Centrobanca – Banca di Credito Finanziario e Mobiliare S.p.A..

UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l'effetto della PPA- purchase price allocation) pari a circa 700 milioni di euro nel 2013 e ad oltre 1,1 miliardi di euro nel 2015, con un ROTE del 10% nel 2013 e del 14,9% nel 2015.
Includendo l'effetto della PPA, l'utile netto atteso si attesta a oltre 600 milioni di euro nel 2013 e a circa 1,1 miliardi di euro nel 2015, con un ROTE del 9% nel 2013 e del 14,1% nel 2015.
Il Piano include la distribuzione di dividendi cumulati per un ammontare superiore all'importo dell'aumento di capitale, sulla base di un pay out costantemente superiore al 50% sull'utile di ogni esercizio, e di un dividendo unitario in costante crescita durante tutto il periodo del Piano.
E’ atteso nel periodo del Piano un incremento della redditività, con proventi operativi in crescita da 3,5 miliardi di euro nel 2010 a 4,2 miliardi nel 2013 e a circa 5 miliardi nel 2015.
Va sottolineato che uno scenario di tassi più favorevole di 50 punti base rispetto a quello ipotetico che è alla base del Piano porterebbe maggiori proventi operativi per circa 100 milioni di euro a fine 2013 e per circa 120 a fine 2015.
Grazie alla riqualificazione del personale verso attività commerciali e all'incremento dell'efficienza operativa, il Piano consente una riduzione netta di circa 1.000 risorse dell'organico del Gruppo, di cui 800 aggiuntive rispetto a quelle già previste per il 2011. L'organico totale passerà quindi da circa 19.700 risorse nel 2010 a circa 18.700 risorse nel 2015. La riduzione netta indicata include già peraltro oltre 1.000 assunzioni nel periodo del Piano, al fine di sostenere il ricambio generazionale e raggiungere più facilmente gli obiettivi della crescita professionale e di un miglior presidio territoriale.

Per effetto dell'aumento di capitale, lo strike price dei "Warrant azioni ordinarie UBI Banca 2009/2011" dovrà essere rettificato come previsto dall'art. 7 del relativo regolamento. Tale rettifica sarà comunicata non appena saranno disponibili tutti i parametri contenuti nella formula di cui al predetto articolo 7 (lo strike andrà moltiplicato per il fattore di rettifica determinato da Borsa Italiana, mentre il multiplo andrà diviso per lo stesso fattore di rettifica).

Milano, 3 Giu - 18:00

Borsa Italiana comunica i prezzi di riferimento rettificati e i K di rettifica efficaci dal 6/6/2011:

Codice
Descrizione
Prezzo di Riferimento Rettificato
Prezzo Last Rettificato
Prezzo Ufficiale Rettificato
Coefficiente K
UBI
UBI BANCA
4.7900
4.7900
4.6353
0.93633952
UBIAXA
UBI BANCA AZXAZ
0.3151
-
-
-
UBCV13
UBI BCA 2013 CV
103.3700
103.3700
103.1690
0.97660254

In base al fattore di rettifica queste sono le parità matematiche da me calcolate:

VALORE DIRITTO
COSTO AZIONE
AZIONE PIENA
ZERO
3.808
3.808
0,08
4.018
4,1
0,16
4.228
4.388
0,2
4.333
4.533
0,24
4.438
4.678
0,28
4.543
4.823
0.32
4.648
4.968
0,36
4.753
5.113

Quando Borsa Italiana determina il fattore di rettifica il giorno prima può succedere quello che si è verificato in questo caso : Ubi ha chiuso a 5.115, il che significherebbe partire lunedì con dei riferimenti pari a 4.755 e 0.36 circa rispettivamente per azione e diritto; occorre quindi prestare la massima attenzione e non farsi condizionare da un prezzo di riferimento chiaramente non in linea con l'ultimo prezzo scambiato dall'azione venerdì 3 giugno.

PER SAPERNE DI PIU'








ContentRight